mercoledì 30 gennaio 2008

Changes!


Si cambia!
Altra intestazione (questa la adoro), altro avatar personale (appena finisco di vedere tutto Death Note scrivo un mega post), e altra foto (basta teste chine).
Quando scrissi il mio primo post mi chiedevo per quale motivo aprivo questo blog, la risposta che mi diedi era vera a metà. Probabilmente una parte di me sentiva inconsciamente che ero in bilico. Nel periodo natalizio sono stato risucchiato giù, nel buio. Come avevo scritto nell’intestazione precedente cadevo e continuavo a cadere. Il bello è che se il mio ego si era assottigliato fino al punto di scrivere post così, era perché paradossalmente non accadeva niente intorno a me, e in questo stato di monotonia apatica alcune piaghe del passato sanguinavano di nuovo. Questo blog ha avuto una funzione terapeutica su me stesso, anche se è poco visitato, e poco commentato, è servito, e sta servendo, in primis a me, poi se c’è qualcuno che mi segue non può farmi che piacere.
Fino al 12 Febbraio sono impegnato con gli studi e anche con qualcos’altro che merita un post a parte, dopo quel giorno metterò in rete altre robe mie che sono scritte male, me ne accorgo, ma che hanno tutte un senso, almeno per me. Poi devo finire L’uno per l’altra, all’inizio mi piaceva, adesso mi ha stufato, non sento più miei i personaggi (che figo, parlo come uno scrittore affermato). Il Palazzo l’ ho terminato da quel dì, alcuni episodi mi garbano molto, altri un po’ meno.
Infine c’è una cosa che mi ronza in testa da un bel po’, è una storia d’amore e di morte, un po’ pirandelliana dove tutti possono essere tutti e nessuno contemporaneamente, identità e cuori frantumati. Mi piace troppo, ma è difficile da scrivere, ci provo ed inciampo di continuo nelle parole.
La foto di questo post mi sembra adatta alla situazione, mi ha ricordato il cielo degli ultimi minuti di Vertigo, un cielo ambiguo, dove non si capisce se sia giorno o sia notte. Ecco io non so se sto continuando a cadere oppure se mi sono fermato, proprio non lo so, però una luce mi sembra di vederla... speriamo non sia una lampadina!

Blue monday

martedì 29 gennaio 2008

Non stop - Sempre buio in sala

Crediti iniziali.
- "Paola amore mio, non andare via, ti prego… ho bisogno del tuo amore, perché vuoi lasciarmi?"
-"Devo farlo. È perché ti amo che debbo lasciarti. Devo dare un taglio netto a tutto ciò che mi riporta a te, Marco… oooh quanto ti amo anche io
(parte il film con la Senatore che si aggira tra delle frasche), tutto qui mi parla di te, questo parco, questi alberi, questi prati, sono la stupenda cornice dei nostri incontri, del nostro amore che non ha confini né tempo, questo tempo che vorrei fermare, ma che purtroppo è inesorabile. Ti farei troppo male se continuassi, e sai che non lo voglio (Marco entra in scena con un golfino sulle spalle).
Come le rondini tornano ogni
anno al proprio nido, io ogni attimo vorrei tornare a te (Paola e Marco si imboscano nei pressi di un albero). Rivedo i nostri incontri, sento le tue mani affusolate sul mio corpo vellutato, è così che lo chiamavi vero?, i miei seni turgidi e vogliosi di carezze, delle tue carezze. Non hai che da alzare la tua mano, la tua mano che scende verso le mie cosce (da qui in poi ciò che dice Paola accade sullo schermo), quando arrivi alla fica è meraviglioso, il tuo dito comincerà a possedermi, le mie cosce si allargano man mano che le tue carezze salgono, il piccolo slip non oppone alcuna resistenza, le tue dita accarezzano l’entrata della vagina, e non fanno alcuna fatica a penetrarla, accarezza la fichina tua così com’è, contornata da (parola incomprensibile) peli rossastri. (Qui la mdp stringe sulle dita di Marco che si muovono freneticamente tra le gambe della Senatore e si vede lei che perde l’equilibrio essendo in piedi, e la scena non è stata ripetuta, che spettacolo!), ti offro la mia lingua Marco, mentre il mio ventre fremente segue i movimenti della tua mano, è tutto un gemito piacevole, baciami con ardore come tu sai fare, strofina la mia clitoride (e Marco obbedisce), masturbala, masturbami! Oh quanto godo, metti in pratica i miei insegnamenti di donna perversa, libidinosa, vogliosa… sono una puttana, la tua puttana, dai masturbami (aridaje), voglio il tuo cazzo Marco, fammelo toccare, lo desidero tanto, ah com’è duro… duro! Sei eccitato come un cavallo alla sua prima monta (ma per favore!). Che piacevole sensazione averlo fra le dita, poterlo stringere forte, stringerlo da farlo scoppiare di godimento.
Mi fermo qua.

Non ha importanza sapere che Paola troverà nella sua nuova casa il vecchio proprietario della suddetta che ha assistito al tradimento di sua moglie, non ha importanza neanche che sto a dire quanto sia povera la regia, fatta di inquadrature traballanti e di attori che durante le scene hard non sanno da che parti girarsi, non sto a descrivere la relazione tra Paola e Marco e neanche quella che si crea col nuovo proprietario della casa. No, non ha importanza niente di tutto questo, bastano i primi 5 minuti per decretare un “capolavoro” questo film.
Il titolo non c’entra una mazza. Paola Senatore non mi piace per niente, come donna intendo, come attrice vabbè… lasciamo stare, neanche le tette usa bene. In più si mostra orgogliosamente in tutto il suo pelame, rossastro, come specifica lei stessa.

Non stop è un porno-sentimentale disastroso, che però è diventato leggenda. Giustamente aggiungo.

EDIT: ho letto solo dopo aver scritto queste righe la vita travagliata di Paola Senatore, se qualcuno è interessato la potete trovare qui a fondo pagina. Brutte storie.

domenica 27 gennaio 2008

Buio Omega

Aristide Massaccesi, in arte Joe D’Amato, ha regalato alla storia del cinema “capolavori” come la serie di Emanuelle o Le notti erotiche dei morti viventi (1980), qui si cimenta in un horror malato, con un’idea di fondo intrigante che però non viene sviluppata a dovere.

Francesco è un giovane imbalsamatore benestante che perde la propria ragazza a causa di una malattia, il suo amore per lei lo spinge a trafugare il corpo dalla tomba ed a imbalsamarlo nel suo castello, dove vi abita con la sua governante e con cui ha una torbida relazione. In cambio del silenzio sulla storia della morta, quest'ultima obbliga Francesco al matrimonio.

Messa così il personaggio di Francesco sembrerebbe quello di un povero innamorato, col cavolo, è così fuori di testa che scioglie un’autostoppista nella vasca di casa con l’acido, e si mangia il cuore della sua amata a morsi. La governante non è da meno visto che lo aiuta nei suoi misfatti, è lei a fare a pezzettini l’autostoppista con una mannaia (buono l’uso della mdp in questa scena).
Il concetto dell’amore che va oltre la morte può essere interessante, ma a questo film manca il ritmo, soprattutto nei dialoghi che sono farraginosi e ridotti all’osso. Non c’è mai un sussulto, e anche il finale più che paura fa ridere. Attori un po’ monoespressivi, ma che arrivano alla soglia della credibilità. SFX così così, ma non credo che D’Amato avesse a disposizione una barcata di soldi. Le musiche psichedeliche dei Goblin fanno il loro dovere.
Ho trovato più interessante sul tema della necrofilia Macabro (1980), di Lamberto Bava, che punta decisamente più sul lato psicologico della perversione tralasciando gli aspetti puramente "exploitation" di Buio Omega.
In ogni caso questo film è la riprova che un tempo in Italia non si scherzava affatto in quanto a splatter e compagnia bella.

Un’ultima cosa: non ho capito il significato del titolo, sarebbe una metafora della morte? Le tenebre dopo la fine? Mah…

martedì 22 gennaio 2008

lunedì 21 gennaio 2008

Black Book

Non ricordo come sono arrivato a Black Book, forse tramite il bellissimo Le vite degli altri (2006), o forse leggendo un articolo su un giornale che parlava del massiccio esodo degli ebrei dopo la seconda guerra mondiale nel neonato stato di Israele. E non ricordavo, forse non l’ ho mai saputo, che Paul Verhoeven, il regista di questo film, è lo stesso che ha girato Robocop (1987) e Basic Instict (1992), caspio un bel cambio di prospettiva il suo!

Black Book è un lungo flashback di Rachel, la protagonista, che nel tentativo fallito di fuggire dall’Olanda occupata dai nazisti diventerà una spia della resistenza infiltrata nel regime tedesco, solo che si innamorerà di un ufficiale (poco) nazista. La loro storia d’amore impossibile viene troncata dai giochi di potere delle due fazioni contrapposte. Così Rachel, continuamente in fuga, a causa di alcuni sfortunati eventi (c’ha una sfiga sta qua!) finisce per passare agli occhi dei suoi compagni reazionari come una traditrice, fortunatamente per lei riuscirà a prendere ad un ricco avvocato Olandese un libro su cui sono scritte tutte le verità di cui ha bisogno per essere scagionata. L’ happy end non è molto happy, perché vediamo Rachel che finita la guerra è andata a vivere in Israele sempre circondata da militari.

La protagonista che è il fulcro intorno a cui ruota tutto l’universo del film mi è piaciuta a tratti, inizialmente è troppo fredda e cinica, la sua famiglia viene sterminata dai nazisti sotto i suoi occhi e lei non versa neanche una lacrima, poi col procedere della narrazione si riprende dimostrando di essere umana quando viene fucilato l’ufficiale di cui è innamorata. Tra l’altro la storia di un’ebrea che s’infatua di un nazista non mi pare sia una novità, devo aver già visto una situazione del genere ma non ricordo in che contesto… comunque direi che il film per la prima ora e mezza è piuttosto in linea con tutte le altre pellicole del suo genere, dando però maggior attenzione (forse troppa) alla liaison tra i due, dopo di che la trama si fa un pelo più avvincente ma resta nell’ordinario, il regista non ha voluto calcare particolarmente la mano sulle efferatezze del regime nazista ma si è concentrato di più sull’odissea di Rachel. Già, proprio un’odissea la sua, che raggiunge il culmine quando accusata dalla resistenza di tradimento si becca chilate e chilate di merda addosso, se davvero è andata così, perché Black Book è tratto da una storia vera, la stupidità dell’uomo è davvero sterminata, che sia nera, rossa, verde o bianca.

Dopo due ore e diciannove minuti posso concludere dicendo che Black Book è un'opera discreta, non so quanto sia attendibile storicamente, date le varie peripezie di Rachel, ma che non aggiunge niente di nuovo ai film che trattano questo tema.

sabato 19 gennaio 2008

Credo...


Credo che nella vita ad ogni picco corrisponda una ricaduta.
Credo che mio padre non finirà mai un Bartezzaghi della settimana enigmistica.
Credo che adesso mi devi far sentir le mani.
Credo che Ronaldo debba tagliarsi i capelli.
Credo che dio non esista.
Credo che farsi una sega guardando un porno sia molto triste.
Credo che il vittimismo non porti a niente.
Credo che piangere faccia bene.
Credo che siamo soli anche in mezzo alla gente.
Credo che Sarkozy e Cassel siano più furbi di quanto sembrano.
Credo che debba trovarmi un lavoro.
Credo che i college-party americani siano l’anticamera del paradiso.
Credo che Romeo and Juliet dei Dire Straits sia una delle più belle canzoni che siano mai state scritte.
Credo che non ci sia mai limite al peggio.
Credo che quest’anno ci salveremo all’ultima giornata.
Credo che mi berrò un estathe tra poco.
Credo che la solitudine sia una brutta bestia.
Credo che mi farò un tatuaggio prima o poi.
Credo che quando lo farò non lo dirò a mio padre.
Credo che il mio gatto sia il gatto più scemo del mondo.
Credo che ci sia qualcuno che anche se parte rimane per sempre.
Credo che vivrei meglio senza computer.
Credo che sia difficile parlare, veramente intendo.
Credo che il Sega Megadrive abbia segnato la mia infanzia.
Credo che il fuoco non smetta mai di bruciare.
Credo che alcune ferite sanguinino per sempre.
Credo che le feste natalizie siano una vera merda.
Credo che Roma sia più lontana che mai.
Credo di aver sbagliato parecchi congiuntivi in questo post.

giovedì 17 gennaio 2008

Sangue e cicatrici


Cinque anni dopo, Alex e Hilary, al tavolino di un bar.

“Allora come stai?”
“Non c’è male… e tu?”
“Io… che domanda stupida che è questa, non ho mai sentito nessuno rispondere “ sto di merda” o cose del genere. Comunque sto bene, e tu non sei cambiata molto in tutto questo tempo, che hai fatto?”
“Come che ho fatto? Ci siamo sentiti qualche volta, lo sai com’è stata la mia vita in questi cinque anni...”
“Intendevo come hai fatto a non invecchiare, e lo sai anche tu, ma sei così vanitosa che vuoi sentirtelo dire due volte...”
“Vedo che ti ricordi ancora come sono fatta, mi fa piacere, pensavo mi avessi dimenticata.”
“Adesso dovrei dirti che non ti ho dimenticata? Che ti ho pensata ogni giorno per tutto questo tempo?” Che ti ho sognata ogni sera? Che ho pianto per te? Cosa vuoi che ti dica Hilary?
“Nulla… assolutamente nulla.”

Il cameriere porta due caffè al tavolo.

“Con quanti uomini sei stata in questi cinque anni?”
“Abbastanza.”
“Abbastanza non è un numero.”
“Alex a me ha fatto piacere incontrarti di nuovo, se no non avrei accettato l’invito, ma se questo è un terzo grado, beh, possiamo anche salutarci.”
“No, l’ultima volta che ci siamo visti ci siamo lasciati in malo modo, questa volta vorrei che fosse diverso.”
Il cucchiaino tintinna nella tazzina.
“È buono questo caffè vero?”
“Già… già…”

Il telefono di Hilary squilla.

“Pronto?… bene grazie… oggi non posso, sono fuori città, rientro in serata… affari di lavoro… sto prendendo un caffè con un vecchio amico… un mio vecchio amico di quando abitavo qua… te l’ ho detto, bevo un caffè con lui… allora cosa?… che vuoi che faccia scusa?… non so cosa dirti… e vabbè butta giù… ciao.”
“Sai una cosa Hilary ? Ho avuto la sensazione di esserci io dall’altro capo del filo, quando ti chiamavo e tu eri sempre con questi tuoi misteriosi amici, in cinque anni non me li hai mai fatti conoscere… chissà perché...”
“Lo sapevo che andava a finire così questa conversazione, avanti dimmelo, urlami in faccia quello che non hai potuto urlarmi quella notte.”
“Quella notte è stata la peggiore della mia vita. Tutto si è sgretolato. In un secondo ho perso la cosa più cara che avevo. Te.”
“Ti ho chiesto scusa mille volte, sono anche tornata da te, ma tu mi hai respinto…”
“Cosa potevo fare? Andavi a letto con un altro, ti avrei ucciso quando ti ho scoperto…”
“Stavo bene con te Alex, forse troppo bene, non credo abbia senso continuare questa conversazione…”
“Bel ragionamento, stai bene con una persona e la tradisci…”
“E tu? Sei sempre stato fedele con me?”

Il cameriere porta il conto.

“Non mi hai risposto prima…”
“Hai detto bene, non credo abbia senso continuare questa conversazione”
“Va bene, allora andiamocene.”
“Come vuoi te.”

Alex e Hilary si alzano ed escono dal bar.

“Alex…”
“Sì?”
“Torniamo insieme?”

Mare dentro, in alto mare - dentro, senza peso

nel fondo, dove si avvera il sogno: due volontà

che fanno vero un desiderio nell’incontro.

Un bacio accende la vita con il fragore luminoso di una

saetta, il mio corpo cambiato non è

più il mio corpo, è come penetrare al centro

dell’universo:

L’abbraccio più infantile, e il più puro dei

baci fino a vederci trasformati in

un unico desiderio.

Il tuo sguardo il mio sguardo, come un eco

che va ripetendo, senza parole: più dentro,

più dentro, fino al di là del tutto, attraverso

il sangue e il midollo.

Però sempre mi sveglio, mentre sempre io voglio

essere morto, perché io con la mia bocca
resti sempre dentro la rete dei tuoi capelli.

mercoledì 16 gennaio 2008

Citizen Toxie - The Toxic Avenger IV

Eccessivo, folle, volgare, sregolato, blasfemo, immorale, rozzo, scurrile. Non avevo ancora visto un film del genere in vita mia. Qui non si risparmia nessuno, dagli handicappati agli omosessuali e qualunque altra minoranza o maggioranza. Indubbiamente alcune situazioni sono di cattivo gusto, però la chiave di lettura del film è l’ironia, senza di questa non lo si può apprezzare, una persona politically correct sviene dopo cinque minuti.

Sin dall’inizio si può capire che razza di delirio sia questo film. A Tromaville una banda di delinquenti col pannolino (!) fa irruzione in una scuola di handicappati, per fortuna arriva Toxie, il vendicatore mascherato, in loro aiuto, che uccide i componenti della banda ma non riesce ad evitare l’esplosione di una bomba in cui ci rimetterà le penne il suo aiutante Lardass. La deflagrazione crea uno squarcio spazio-temporale per cui Toxie prende il ruolo del suo alter-ego cattivo Noxie in una dimensione parallela e viceversa. Da qui nascono ovviamente tutti gli equivoci del caso, con scenette deliranti e splatterose. Alla fine Toxie riesce a tornare a casa sbattendo i tacchi delle scarpe come ne Il mago di Oz, e sconfigge Noxie che intanto aveva messo incinta sua moglie, a sua volta già in attesa di un bimbo da parte di Toxie. Nello scontro finale oltre alla lotta tra i due vendicatori siamo spettatori anche della battaglia tra i due feti all’interno della pancia della moglie.
Delirio totale.

La trama è ben più complessa, ma è impossibile spiegare dettagliatamente quello che succede, come ho detto all’inizio non viene risparmiato nessuno, vengono investite delle vecchiette, si scherniscono dei minorati mentali, dio è impersonato da un nano che chiede a Toxie di dire al papa se per favore la smette di nominarlo dato che non lo conosce, e di togliersi dalla testa quel cappello a cappella (questo dialogo mi ha fatto crepare dal ridere), uno dei cinque super eroi che da la caccia a Noxie si chiama Masturbator e si accompagna di una canzoncina deliziosa: Sono Masturbator, la potenza di 10 dita, restate indietro o vi innaffierò a vita. E potrei stare qui ad elencare centinaia di altre stronzate ma lascio il gusto della sorpresa a chi guarderà il film.
La casa che distribuisce Citizen Toxie è la Troma, che è proprio specializzata in questo genere trash-horror-comedy, se si è conoscitori di questa casa si potranno trovare all’interno del film dei personaggi presenti in altre opere della Troma, come il Sergente Kabukiman, comunque ai fini della trama non vi è nessuna implicazione, si può non aver mai visto un film della Troma (come me fino a due ore fa) che si capisce tutto, che poi non c’è molto da capire.
Il furioso che prima dei crediti finali saltella in mezzo alla strada con solo degli slip addosso è il regista del film, d’altronde da un albero storto non nasce mai un albero dritto (mio padre docet).
Probabilmente non me ne capirò un tubo di cinema, ma Citizen Toxie mi ha divertito come pochi, è l’ideale per farsi quattro risate, ma che dico, anche dieci risate, ovviamente tenetelo lontano dai bambini e dalla gente troppo inquadrata.

Dimenticavo, il film è il quarto episodio di una serie iniziata nell’84, ma i due episodi intermedi fanno cagare, almeno così si dice all’inizio di questo.

martedì 15 gennaio 2008

Biancaneve e i sette nani

Non credevo esistesse veramente.
Quante volte uno ha detto con spirito goliardico: ”Biancaneve sotto i nani…”
Ebbene, questo film esiste veramente, anche se col titolo che vedete scritto lassù in cima, e addirittura esiste un seguito Biancaneve... dieci anni dopo (1999), sempre girato da Luca Damiano, un maestro dell’ hard.
Non è che l’abbia seguito con estrema attenzione, perché a me i film porno annoiano da matti, comunque mi è parso abbastanza fedele al cartone della Disney. C’è la matrigna che si fa trombare a destra e a manca, c’è la strega cattiva bitorzoluta, c’è Bincaneve interpretata da una candida Ludmilla Antonova, i nani e il principe azzurro.
Le scene hard sono ovviamente di pregevole fattura, ma sono tutte accompagnate da una fastidiosa canzoncina in sottofondo: cioè vedere Biancaneve che si fa montare dai nani con una musichetta per bambini è un po’ blasfemo. E a proposito di nani, tra i sette c’è anche il mitico Davide Marotta! Sì proprio lui! Il ciripiripì della kodak! Che grande, già mi stava simpatico ma ora ha guadagnato mille punti; purtroppo (per lui) è l’unico che non si fa Biancaneve, però le insegna a masturbarsi. Già perché mi sono dimenticato di dire che i nani fanno da nave-scuola alla dolce White Snow, geniale devo dire! Tornando a Marotta l’ho visto recentemente fare il saltimbanco su rai 2, eeeh Davide Davide c’ hai un bello scheletro nell’armadio te, tra l’altro il film non è segnato nella sua filmografia.

Il finale è molto toccante perché si vede Biancaneve che dopo aver mangiato la mela avvelenata sviene circondata dai nanetti in lacrime, ma arriva il principe Azzurro che con un bacio, e anche qualcos’altro, soprattutto qualcos’altro direi, la risveglia, e intanto i nani sono lì che guardano. Che poesia.
Se qualcuno avesse il coraggio di guardare questo film avverto che c’è una scena gay molto esplicita, a me non me ne cale più di tanto, però conoscendo certe persone… Uomo avvisato…

L'orizzonte


A


Abbou Olivier:
Territories

Abrantes Gabriel:
Palácios de Pena (e Daniel Schmidt)

Ade Maren:
Everyone Else
Vi presento Toni Erdmann

Agosti Silvano:
Il giardino delle delizie
N.P. il segreto
Nel più alto dei cieli

Aguilera Pedro:
La influencia
Naufragio

Ahmad Fenar:
Megaheavy

Albanesi Gabriele:
Il bosco fuori 


Alexandrescu Ciprian:
Interior. Block of Flats Hallway

Alfredson Tomas:
Lasciami entrare 


Alonso Lisandro: 

Antoniak Urszula:
Nothing Personal
Code Blue
Nude Area

Araki Gregg:
Mysterious Skin


Aristakisian Artour:
Le palme delle mani
L'ultimo posto sulla Terra

Arlotto John:
Deface

Aronofsky Darren:
The Wrestler
Il cigno nero

Aschan Lisa:
She Monkeys

Assis Cláudio:
Bog of Beasts
A Febre do Rato

Aston Ben:
He Took His Skin Off for Me

Avati Pupi:
Zeder

Avedikian Serge:
Chienne d'histoire

B

Babluani Géla:
13 Tzameti
Legacy (e Temur Babluani)
 

Back Frédéric:
L'uomo che piantava gli alberi  

Bahrani Ramin:
Goodbye Solo
Plastic Bag

Bakker Daan:
Jacco's film

Balabanov Aleksej:
Of Freaks and Men
 
Barnard Clio:
The Arbor

Barney Matthew:
Drawing Restraint 9

Bartas Sharunas:
In Memory of the Day Passed By 
Three Days
The Corridor
La bestia in calore 

Bava Lamberto:
Body Puzzle

 
Bava Mario:
I tre volti della paura
Reazione a catena

Bazzoni Luigi:
 
Giornata nera per l'ariete 
Le orme

Beineix Jean-Jacques:
Betty Blue


Bellot Rodrigo:
Sexual Dependency

Bennett Richard:
Klito Bell 


Berger Pablo:
Torremolinos 73
Blancanieves 

Berghäll Joonas:
Steam of Life (e Mika Hotakainen)

Bertino Bryan:
The Strangers 


Bertora Marco: 
Nessun Fuoco Nessun Luogo (e Carla Grippa) 

Bianchi Andrea:
Le notti del terrore

Bianchi Montero Roberto (?):
Gioco di seduzione


Bielynski Fabián:
Nove regine
The Aura

Bilal Enki:
Bunker Palace Hôtel

Birkin Andrew:
Il giardino di cemento

Birney Albert:
The Beast Pageant (e Jon Moses)

Blank Les:
Burden of Dreams

Bodanzky Jorge:
Iracema (e Orlando Senna)

Bogliano Adrián García:
I'll Never Die Alone

Boivin Jérôme:
Baxter

Bonello Bertrand:
Le pornographe
Tiresia
Cindy: The Doll Is Mine
De la guerre - della guerra
House of Tolerance
Saint Laurent
Nocturama

Bong Joon-ho:
Barking Dogs Never Bite
Memories of Murder
The Host
Shaking Tokyo (episodio di Tokyo!)
Madre
Okja

Bo Odar Baran:
The Silence

Borowczyk Walerian:
I racconti immorali di Borowczyk
La bestia

Botelho João:
Filme do Desassossego

Botrugno Matteo:
Et in terra pax (e Daniele Coluccini)

Brant Beto:
Cão Sem Dono (e Renato Ciasca)

Brass Tinto:
Il disco volante

Breillat Catherine:
A mia sorella!

Brosens Peter:
Khadak (e Jessica Woodworth)
Altiplano (e Jessica Woodworth)
La quinta stagione (e Jessica Woodworth)
Un re allo sbando (e Jessica Woodworth)

Brügger Mads:
The Ambassador

Brzezicki Leonardo:
Noche

Bugajski Ryszard:
Interrogation

Buozyte Kristina:
Vanishing Waves

C 

Caballero Sergio:
Finisterrae
Ancha es Castilla/N'importe quoi
La distancia

Cahill Mike:
Another Earth

Campbell Jonny:
Alien Autopsy - Una storia vera
 

Campillo Robin:
They Came Back

Canevari Cesare:
La principessa nuda

 
Canijo João:
Blood of My Blood 

Carax Leos:
Boy Meets Girl
Rosso sangue
Gli amanti del Pont-Neuf
Pola X

Merde (episodio di Tokyo!)
Holy Motors

Carnimeo Giuliano:
Quella villa in fondo al parco

 
Carrère Emmanuel:
L'amore sospetto
 

Carri Albertina:
La rabia

Casanova Eduardo:
Pelle

Castaing-Taylor Lucien:
Leviathan (e Véréna Paravel)

Castellari Enzo G.:
Quel maledetto treno blindato

 
Castiglioni Angelo:
Magia nuda (e Alfredo Castiglioni con Guido Guerrasio)

Cavallone Alberto:

Cavara Paolo:
La tarantola dal ventre nero


Cederstam Ewa:
Våga minnas

Ceylan Nuri Bilge:
C'era una volta in Anatolia

Chapero-Jackson Eduardo:
Alumbramiento
The End

Chavarría Gutiérrez Pablo:
El resto del mundo
Alexfilm
Las letras
La tierra aún se mueve

Chéreau Patrice:
Intimacy - Nell'intimità
 
Choi Wee-an:
Today and the Other Days

Christensen Benjamin:
Häxan

Cianfrance Derek:
Blue Valentine

Come un tuono

Cimino Michael:
Il cacciatore

Ciprì Daniele:
Totò che visse due volte (e Franco Maresco)


Clapin Jérémy:
Une histoire vertébrale
Skhizein 
Palmipédarium

Clark Larry:
Ken Park (e Edward Lachman)


Cloutier Claude:
Sleeping Betty 

Clouzot Henri-Georges:
Vite Vendute

Colagrande Giada:
Aprimi il cuore

Colbert Gregory:
Ashes and Snow 


Columbu Giovanni:
Arcipelaghi
Su Re

Comodin Alessandro:
Jagdfieber
L'estate di Giacomo 
I tempi felici verranno presto

Cosmatos Panos:
Beyond the Black Rainbow

Costa Pedro:
Blood (O Sangue)
Casa de Lava
Ossos
In Vanda's Room

Où gît votre sourire enfoui? 
Colossal Youth
Ne change rien
Cavallo Denaro

Costa Petra:
Olmo e il gabbiano (e Lea Glob)

Côté Denis:
Les états nordiques 
Nos vies privées
Elle veut le chaos 
Carcasses 
Les lignes ennemies
Curling
Bestiaire
Vic + Flo Saw a Bear
Boris Without Béatrice

Covi Tizza:
Non è ancora domani (La pivellina) (e Rainer Frimmel)


Craven Wes:
L'ultima casa a sinistra


Crisan Marian:
Megatron

Cronenberg David:
La promessa dell'assassino

Cuarón Alfonso:
Y tu mamá también - Anche tua madre
I figli degli uomini

Curtis Adam:
Bitter Lake

Curtis Dan:
Intruders

D
 

Dahlsbakken Henrik Martin:
The Devil's Ballroom

D'Amato Joe:
Le notti porno nel mondo n.2
Buio Omega 

Damian Anca:
Crulic - The Path to Beyond

Damiani Damiano: 
Alex l'ariete
 
Damiano Luca: 
Le avventure erotix di Cappuccetto Rosso
Biancaneve e i sette nani
Alice nel paese delle pornomeraviglie 


D'Annunzio Gabriele (uncredited):
Saffo e Priapo

D'Anolfi Massimo:
Il castello (e Martina Parenti)
Materia oscura (e Martina Parenti)

De Bruyn Léon Paul:
Maniac Nurses

Defurne Bavo:
North Sea Texas 

De Graaff Gert:
De zee die denkt

Demange Yann:
Dead Set 


Demirkubuz Zeki:  
Envy 

De Missolz Jérôme:
Le corps sublimé - Sans titre

Denham Christopher:
Home Movie

Denis Claire:


Deoadato Ruggero:
Ultimo mondo cannibale


De Heer Rolf:
Alexandra's Project
10 canoe

De Orbe José María:
Aita

De Orsi Domenico:
Inassenza

De Ossorio Amando:
Le tombe dei resuscitati ciechi

 
De Palma Brian: 
Obsession - Complesso di colpa
 

De Peña Franco:
Your Name Is Justine

De Serio Gianluca:
Sette opere di misericordia (e Massimiliano De Serio)

Despentes Virginie:
Baise-moi - Scopami (e Coralin Trinh Thi)

Destoop Wannes:
Swimsuit 46

De Swaef Emma (e Marc James Roels):

De Van Marina:
In My Skin

Devor Robinson:
Zoo

Diritti Giorgio:
L'uomo che verrà
Un giorno devi andare

Djordjevic Mladen:
The Life and Death of a Porno Gang

Djukelic Vladimir:
Slobodan pad

Dolan Xavier:
J’ai tué ma mère
Les amours imaginaires
Laurence Anyways e il desiderio di una donna...

Dominik Andrew:
Chopper

Doolan Luke:
Miracle Fish

Dougherty Michael:
Trick 'r Treat

Dowdle John Erick:
Devil

Dudok de Wit Michael:
Father and Daughter

Dumala Piotr:
The Forest

Dumont Bruno:
Džordžadze Nana:

E


Economides Yannis:
Knifer

Edfeldt Fredrik:
The Girl

Eisener Jason:
Treevenge

Eklund Patrik: 

El Mechri Mabrouk:
JCVD - Nessuna giustizia

Erdem Reha:
Beş Vakit - Times and Winds

Etcheverry Juan Pablo:
The Biggest Flower in the World

Ewing Heidi:
Jesus Camp (e Rachel Grady)

F

 

Fabicki Sławomir:
Męska sprawa

Falcioni Andrea:
Il cerchio dei morti (e Lucas Pavetto)
 

Farnarier Christophe:
El somni

Farrokhzad Forugh:
The House Is Black

Fedorchenko Aleksei:
Silent Souls


Fehér György:
Twilight
Szenvedély

Feng Xiaogang:
Afterschock

Ferrario Davide:
Guardami

Figgis Mike:


Fincher David:
The Game - Nessuna regola

The Social Network

Fischli Peter:
The Way Things Go (e David Weiss)

Fliegauf Benedek:
Van élet a halál elött?
Rengeteg
Dealer
Milky Way
Csillogás
Womb
Just the Wind

Forbis Amanda:
When the Day Breaks (e Wendy Tilby)

Forsberg Eric:
Alien Abduction

Forster Marc:
Stay - Nel labirinto della mente 


Fox Jessica:
My Reincarnation

Frammartino Michelangelo:

Franco Jesus:
Confessioni proibite di una monaca adolescente 


Frantzis Angelos:
In the Woods 

Franz Veronika:
Goodnight Mommy (e Severin Fiala)

Freydank Jochen Alexander:
Toyland

Fuentes-León Javier:
Contracorriente - Controcorrente

Fukui Shozin:
964 Pinocchio


Fukunaga Joji Cary:
Sin Nombre

Fulci Lucio:

Non si sevizia un paperino
Sette note in nero
Luca il contrabbandiere
...e tu vivrai nel terrore! L'aldilà
Le porte del silenzio 

G

Gallaga Peque:
Scorpio Nights 

Gan Bi:
Kaili Blues

Ganslandt Jesper:
Falkenberg Farewell
The Ape
Blondie

Gantzler Peter:
Dreng

Garbarski Sam:
Irina Palm - Il talento di una donna inglese 

García Celso R.:
La leche y el agua

García Ruiz Salvador:
3some

Gatzoulis Nasos:
Swordfights

Gaudino Giuseppe M.:
Giro di lune tra terra e mare

Gelb David:
Jiro e l'arte del sushi

George Sylvain:
Qu’ils reposent en révolte (Des figures de guerre)

Geyer Peter: 
Jesus Christ Savior

Giæver Ole:
Out of Nature

Gibney Alex:
Mea Maxima Culpa: Silenzio nella casa di Dio

Gilbert Melody:
Whole

Gilliam Terry:
Tideland - Il mondo capovolto


Giordani Ugo Fabrizio:
Troppo Belli

Giorgelli Pablo:
Las Acacias

Gobert Fabrice:

Gomes Miguel:
A Cara que Mereces 
Cántico das criaturas
Our Beloved Month of August
Tabu
Redemption
Le mille e una notte - Arabian Nights: Volume 1 - Inquieto
Le mille e una notte - Arabian Nights: Volume 2 - Desolato
Le mille e una notte - Arabian Nights: Volume 3 - Incantato

Gondry Michel:
Interior Design (episodio di Tokyo!)

González-Rubio Pedro:
Alamar

Grandrieux Philippe:
Un lac

Grau Jorge Michel:
We Are What We Are

Gray James:
Two Lovers

Greaves Daniel:
Flatworld

Grimaldi Aurelio:
Il macellaio

Gröning Philip:
Il grande silenzio

Grou Daniel:
7 Days

Guerín José Luis:
In the City of Sylvia

Güneş Selim:
White As Snow

Guzmán Patricio:
Nostalgia della luce

H

H5:
Logorama

Hadžihalilović Lucile:
La bouche de Jean-Pierre
Innocence
Evolution

Haigh Andrew:

Hajdu Szabolcs:
White Palms
Bibliothèque Pascal
Mirage

Haneke Michael:
The Seventh Continent
71 Fragments of a Chronology of Chance
The Castle
Storie - Racconto incompleto di diversi viaggi
Il nastro bianco

Amour

Hassenfratz Felix:
Der Verdacht

Hausner Jessica:
Lourdes

Heisenberg Benjamin:
Il rapinatore

Helander Jalmari:
Trasporto Eccezionale - Un Racconto di Natale

Henning Lars:
Security

Hernández Gustavo:
La casa muta

Herzog Werner:
Segni di vita (+ 5 cortometraggi)
Fata Morgana
Anche i nani hanno cominciato da piccoli
 
Paese del silenzio e dell'oscurità
Aguirre, furore di Dio
L'enigma di Kaspar Hauser
Cuore di vetro
La ballata di Stroszek
Nosferatu, il principe della notte
Woyzeck
Fitzcarraldo
Dove sognano le formiche verdi
Cobra Verde

Cave of Forgotten Dreams
Happy People: A Year in the Taiga (e Dmitry Vasyukov)
Ode to the Dawn of Man
Into the Abyss
From One Second to the Next
Queen of the Desert

Hillcoat John:
The Road
 

Hirabayashi Isamu:
Aramaki
Shikasha 
Soliton

Hitchcock Alfred:
Nodo alla gola 

La donna che visse due volte
Gli uccelli
L'ombra del dubbio
 

Holland Agnieszka:
Olivier, Olivier 
 
Hoornaert Kristof:
 
Hopkins Ben:
The Nine Lives of Tomas Katz
 
Ho-Sun Chan Peter:
Going home (episodio di Three)


Hulsing Hisko:

Hunt Courtney:
Frozen River - Fiume di ghiaccio
 

Huyghe Leni:
Matteus  

I

Iho Misko:
Potilas

Imaoka Shinji:
Underwater Love

Ionesco Eva:
My Little Princess

Ishii Sogo:
Angel Dust

Iskanov Andrey:
Philosophy of a Knife

J


Jackson Mick:
Threads

Jang Chul-soo:

Jankovics Marcell:

Jarman Derek:
Sebastiane

Jarmusch Jim:
The Limits of Control

Jayasundara Vimukthi:
The Forsaken Land 

Jeles András:
The Annunciation

Jires Jaromil:
Fantasie di una tredicenne

Jodorowsky Alejandro:
La montagna sacra

Jonsson Jens:
The King of Ping Pong

Jonze Spike:
Mourir auprès de toi (e Simon Cahn)

Joost Henry:
Catfish (e Ariel Schulman)

Jordan Neil:
In compagnia dei lupi
La moglie del soldato
Intervista col vampiro
In Dreams
Fine di una storia
Breakfast on Pluto
Il buio nell'anima
Ondine - Il segreto del mare


Joseph Peter:
Zeitgeist - The Movie

Joung Yumi:
Dust Kid

Joyce William:
The Fantastic Flying Books of Mr. Morris Lessmore (e Brandon Oldenburg)

Jude Radu:
Lampa cu caciula

Juhn Jai-Hong:
Beautiful

K 

Kahn Cédric:
La noia
Roberto Succo


Kaplanoğlu Semih:
  
Kárpáti György Mór:
Erdő  

Katô Kunio: 
La maison en petits cubes

Kaufman Charlie:
Synecdoche, New York
 
Kaufman Lloyd: 
SGT. Kabukiman N.Y.P.D.
Terror Firmer
Citizen Toxie - The Toxic Avenger IV
 
Kedzierzawska Dorota: 
Jestem
 
Kenyeres Bálint:
Before Dawn

Khalfoun Franck:

Khrzhanovskiy Ilya:  
4

King Hu:
Le implacabili lame di Rondine d'Oro 


Kim Il-hyeon:
The Story of Mr. Sorry (e Kwak In-keun con Lee Eun-mi, Lee Hye-yeong, Ryoo Ji-na)

Kim Jee-woon: 
Memories (episodio di Three)
I Saw the Devil 
The Last Stand - L'ultima sfida

Kim Ki-duk:
Crocodile
Wild Animals
Birdcage Inn
Real Fiction
L'isola

Address Unknown
Bad Guy
The Coast Guard
Primavera, estate, autunno, inverno e... ancora primavera

La samaritana
Ferro 3 - La casa vuota
 
L'arco
Time
Soffio
Dream
 
Arirang
Amen
Pietà
Moebius
One on One

Kim Sung-ho:
Into the Mirror

 
Kinski Klaus: 
Kinski Paganini
 
Kitano Takeshi:
Brother
Dolls
Zatoichi


Kiyotaka Tsurisaki:
Orozco the Embalmer

Klimt Aurel:
Pád (e Derek Shea)

Knautz Jon:
Still Life

Koch Susan:
Kicking It (e Jeff Werner)   

Kocsis Ágnes:
Adrienn Pàl

Köhler Ulrich:
Sleeping Sickness

Koreeda Hirokazu:
After Life

Korine Harmony:
Gummo

Kotzamani Konstantina:
Pigs

Kõusaar Kadri:
Magnus

Kovalyov Igor:

Kove Torill:
The Danish Poet

Kurzel Justin: 
Snowtown
 
L

LaBeouf Shia:
Maniac

Lagemann Rudi:
Angels of the Sun 

Laguionie Jean-François:
La traversée de l’Atlantique à la rame

Laloux René:

Lamorisse Albert:
The Red Balloon

Lamoure Jean-Marc:
Tarr Béla, I Used to Be a Filmmaker

Landes Alejandro:
Porfirio

Landi Marco:
Patrick vive ancora


Landin Andrej:
Into the Silent Sea

Lanthimos Yorgos:
Dogtooth
Alps 
The Lobster

Larrieu Arnaud:
Les derniers jours du monde (Jean-Marie Larrieu)

Lauenstein Christoph:
Balance (e Wolfgang Lauenstein)

Laugier Pascal:
Martyrs 

Lavis Chris:
Madame Tutli-Putli (e Maciek Szczerbowski)
Higglety Pigglety Pop! or There Must Be More to Life (e Maciek Szczerbowski)

Lavoie Simon:
À l’ombre

Law Chi-Leung:
Koma 

Lazarescu Anca Miruna:
Silent River

Lee Chung-ryoul:

Lee Jay:
Zombie Strippers


Lee Jeong-hyang:
The Way Home

Lee Kang-sheng:
The Missing 
Help Me Eros

Lee Kyoo-man:
Children...
 

Lee Siu-Kei:
Indecent Woman 

Leigh Leo:
Swansea Love Story (e Andy Capper) 

Lenzi Umberto:
Cannibal ferox
Incubo sulla città contaminata
Mangiati vivi!


Lichtenstein Mitchell:
Denti

Lieberman Robert:
Bagliori nel buio

Lien Jens:
The Bothersome Man

Lifshitz Sébastien:
Wild Side
Bambi

Limosin Jean-Pierre:

Lim Woo-seong:
Vegetarian

Lindgren Victor:

Lindholm Tobias:
R (e Michael Noer)
A Hijacking

Litvinova Renata:
Rita’s Last Fairy Tale

Li Yu:
Lost in Beijing

Lizzani Carlo:
La casa del tappeto giallo
Storie di vita e malavita


Loach Ken:
Family Life

Locatelli Mirko:
I corpi estranei

Loktev Julia:
The Loneliest Planet

López Jazmín:
Leones 

Lopushansky Konstantin:
Solo
Dead Man's Letters
Posetitel muzeya
Russkaya simfoniya  
The Ugly Swans

Loznitsa Sergei:
My Joy
In the Fog

Lucas Anthony:
The Mysterious Geographic Explorations of Jasper Morello

Luna Bigas:
Bambola

Lungin Pavel:
L'isola

Luthardt Mathias:
Pingpong

Lygizos Ektoras:
Agna niata
Boy Eating the Bird’s Food

Lynch David:
Eraserhead - La mente che cancella
INLAND EMPIRE - L'impero della mente

 
Lynch Jennifer:
Boxing Helena

 

M 

Maclean Alison: 
Kitchen Sink  

Maddin Guy:  
Brand Upon the Brain! A Remembrance in 12 Chapters

Majewski Lech:
The Roe's Room

 
Makridis Babis:
L

Mandico Bertrand:

Manetti Bros:
Piano 17 


Manuli Davide:
Apocalypse domani

Marinakis Vardis:
Black Field

Marker Chris:
La Jetée
Sans Soleil
Level Five

Markovics Karl:
Breathing

Martino Sergio:
Lo strano vizio della signora Wardh
La montagna del dio cannibale

 
Martone Mario:
L'amore molesto
 

Matheny Luke:
God of Love

Matsumoto Itoshi:
Symbol
 
Matthiesen Mads:
Dennis
Teddy Bear

Mauri Roberto:
Le porno killers


McAbee Cory:
McKee Lucky:
The Woman
 
McQueen Steve:
Shame

Medem Julio:
Tierra
Gli amanti del Circolo Polare

Chaotic Ana
Room in Rome

Mehta Deepa:
Fire
Earth
Water

 

Melini Davide:
The Puzzle

Mendoza Brillante:
The Masseur
Kaleldo
Manoro
Pantasya
Foster Child

Tirador 
Service
Kinatay - Massacro
Lola
Captive
Thy Womb

Menkes Nina:
Phantom Love

Merhige Elias E.:
Din of Celestial Birds

Meyer Russ:
Mondo Topless


Miike Takashi:
Ichi the Killer
Visitor Q

Miller Elisa:
Ver llover

Miner Steve:
Chi è sepolto in quella casa?

Mitrevski Darko:
Goodbye, 20th Century (e Aleksandar Popovski)
Balcancan

Moll Dominik:
Due volte lei

Mora Philippe:
Communion

Morgan Glen:
Black Christmas - Un Natale rosso sangue

Mortier Koen:
Ex Drummer
22nd of May 

Mrad Javier:
Teclópolis

Mullan Peter:
Magdalene

Munch-Fals Mikkel:
Nothing's All Bad

Mundruczó Kornél:
Pleasant Days
Johanna
Delta
White God - Sinfonia per Hagen

Mungiu Cristian:
Zapping 
Occident
4 mesi, 3 settimane, 2 giorni
Oltre le colline
Un padre, una figlia

Murakami Jimmy T.:
Quando soffia il vento 


Murat Júlia:
Found Memories

Murgia Pier Giuseppe:
Maladolescenza
 

Muritiba Aly:
A Fábrica

Mustata Bogdan:
A Good Day for a Swim

Mylan Megan:
Smile Pinki

N

Naharro Antonio:
Me Too (e Álvaro Pastor) 

Nam Nai Choi:
Story of Ricky - Ricky oh

Natali Vincenzo:
Nothing

Nemescu Cristian:
Marilena from P7

Neuvonen Joonas:
Reindeerspotting - Escape from Santaland

Nieuwenhuijs Victor:
Meat (e Maartje Seyferth)

Niewolski Konrad:

Nikou Christos:
Km

Nimibutr Nonze:
The Wheel (episodio di Three)

Noboru Iguchi:
The Machine Girl

Nölle Tobias:

Nunes Eduardo:
Sudoeste

O

Oliver Robert:
Terror! Il castello delle donne maledette

Oppenheimer Joshua:
The Act of Killing - L'atto di uccidere (e Christine Cynn con Anonimo)
The Look of Silence 

Östlund Ruben:
Gitarrmongot 
Scen nr: 6882 ur mitt liv
Involuntary
Incident by a Bank
Play
Forza maggiore

Osunsanmi Olatunde:
Il quarto tipo

Õunpuu Veiko:
Tühirand
Autumn Ball
The Temptation of St. Tony

Øvredal André:
The Troll Hunter

P

Pálfi György:
I Am Not Your Friend
Final Cut: Ladies & Gentlemen
Free Fall

Palka Marianna:
Good Dick

Panahi Jafar:
This Is Not a Film (e Mojtaba Mirtahmasb)

Panh Rithy:
L’immagine mancante

Parello Chuck:
Ed Gein - Il macellaio di Plainfield

Park Chan-wook:
I'm a Cyborg, But That's OK
Thirst
Paranmanjang (e Park Chan-kyong)
Stoker
The Handmaiden

Pärn Priit:

Parsifal Roy:
La lezione di mamma

Patiño Lois:

Peckinpah Sam:
Cane di paglia

Peers Bobbie:
Sniffer

Peijnenburg Mees:
Cowboys janken ook

Peli Oren:
Paranormal Activity

Petersén Axel:
Avalon

Petersons Reinis:
Ursus

Petri Elio:
Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto

Petrov Aleksandr:
Korova
Rusalka 
Il vecchio e il mare
Moya lyubov

Piñeyro Marcelo:
Burnt Money

Pinkett Smith Jada:
The Human Contract

Pires Pedro:
Danse macabre
Hope

Pirri Massimo:
L'immoralità
Tunnel - Eroina

Piscicelli Salvatore:
Immacolata e Concetta, l'altra gelosia
Il corpo dell'anima
Alla fine della notte

Plà Rodrigo:
La demora

Polak Kamil:
The Lost Town of Switez

Polselli Renato:
Delirio caldo
Riti, magie nere e segrete orge nel trecento
Rivelazioni di uno psichiatra sul mondo perverso del sesso
Torino centrale del vizio
Oscenità

Ponsoldt James:
The End of the Tour - Un viaggio con David Foster Wallace

Popogrebsky Aleksei:
How I Ended This Summer

Porterfield Matthew:
Putty Hill

Prado Marcos:
Estamira

Proskurina Svetlana:
Peremirie 

Provost Nicolas:

Puenzo Lucía:
XXY - Uomini, donne o tutti e due?

Puiu Cristi:
Marfa şi banii 
The Death of Mister Lazarescu
Aurora
Sieranevada

Q

Quay Michelange:
Eat, for This Is My Body

Quine Richard:
Noi due sconosciuti

R

Raag Ilmar:
The Class

Raksasad Uruphong:
Agrarian Utopia

Ramsay Lynne:
Ratcatcher - Acchiappatopi
Morvern Callar
...E ora parliamo di Kevin
Swimmer

Ratanaruang Pen-Ek:
6xtynin9
Love Song: Monrak Transistor
Last Life in the Universe
Invisible Waves
Ploy
Nymph
Headshot
Paradoxocracy

Redmon David:
Girl Model (e Ashley Sabin)

Reggiani Pietro:
L'estate di mio fratello

Reggio Godfrey:
Koyaanisqatsi

Reichardt Kelly:
Old Joy
Wendy and Lucy
Meek's Cutoff
Night Moves
Certain Women

Resnais Alain:
Notte e nebbia
Hiroshima mon amour

Reygadas Carlos:
Japón
Battaglia nel cielo
Silent Light
Post Tenebras Lux

Ridley Philip:
Riflessi sulla pelle

Rigo de Righi Alessio:
Catedral (e Aliocha)
Belva Nera (e Matteo Zoppis)
Il solengo (e Matteo Zoppis)

Ripstein Arturo:
The Castle of Purity

Rocha Minter Emiliano:
We Are the Flesh

Rodrigues João Pedro:
Il fantasma
Odete
To Die Like a Man
Alvorada Vermelha (e João Rui Guerra da Mata)
The Last Time I Saw Macao (e João Rui Guerra da Mata)
The Ornithologist

Rojas Vera Gabriel:
Karen Cries on the Bus

Romero George A.:
Il giorno degli zombi
Diary of the Dead - Le cronache dei morti viventi

Rosa Paolo:
Il mnemonista

Rosales Jaime:
Sueño y silencio

Rosenlund Erik:

Rosi Gianfranco:
Boatman 
Below Sea Level
El Sicario, Room 164
Sacro GRA

Rowe Michael:
Leap Year

Ruhemann Andrew:
The Lost Thing (e Shaun Tan)

Rumley Simon:
Red White & Blue

Rúnarsson Rúnar:
Síðasti bærinn
Two Birds
Volcano
Passeri

Runge Björn:
Happy End

S

Sacco Arduino:
Non stop - Sempre buio in sala

Šachnazarov Karen:

Sakmann Doug:
The XXXorcist

Salaviza João:
Rafa

Saleh Tarik:
Metropia

Salmenperä Aleksi:

Sánchez Eduardo:
Altered - Paura dallo spazio profondo

Sas Tamás:
Down by Love

Sato Tatsuo:
Cat Soup

Satrapi Marjane:
Persepolis

Scattini Luigi:
Svezia, inferno e paradiso

Scavolini Romano:
A mosca cieca

Schenkman Richard:
L'uomo che venne dalla Terra

Schleinzer Markus:
Michael

Schmid Hans-Christian:
Requiem

Schmidt Jan:
The End of August at the Hotel Ozone

Schouw Bram:
Sevilla

Schrank Lukas:

Scud:
Amphetamine

Seidl Ulrich:
Animal Love
Models
Canicola
Import/Export
Paradise: Love
Paradise: Faith
Paradise: Hope
In the Basement

Serra Albert:
Crespià
Honor de cavallería
Birdsong
The Death of Louis XIV

Servais Raoul:
Harpya

Seto Momoko:
 
Shainberg Steven:
Secretary

Sheil Steven:
Mum & Dad

Shiraishi Kôji:
Noroi: The Curse

Siboni Raphaël:
There Is No Sexual Rapport

Sigarev Vasili:
Volchok
Living

Simone Stefano:
Cappuccetto Rosso
Una vita nel mistero

Singer Marc:
Dark Days

Six Tom:
The Human Centipede (First Sequence)

Slaboshpytskiy Myroslav:
Diagnosis
Deafness
Nuclear Waste
The Tribe

Slade David:
Hard Candy

Sletaune Pål:
Next Door

Smits Martijn Maria:
Anvers
Under the Weight of Clouds

Smitsman Hanro:
Raak

Snow Michael:
Wavelength

Solanas Juan:
L’homme sans tête

Soldi Giancarlo:
Nero.

Soldini Silvio:
Giorni e nuvole

Solet Paul:
Grace

Sono Sion:
Love Song
Ore wa Sono Sion da!
Jitensha toiki
The Room
Keiko desu kedo
Utsushimi
0cm4 
Suicide Club
Into a Dream
Noriko's Dinner Table
Strange Circus
Hazard
Exte: Hair Extensions
Love Exposure
Be Sure to Share
Cold Fish
Guilty of Romance
Himizu
The Land of Hope
Bad Film
Why Don’t You Play in Hell?
Tokyo Tribe
Love & Peace

Sørhaug Eva:
90 Minutes

Spasojevic Srdjan:
A Serbian Film

Spielmann Götz:
Antares

Spiro Jordana:
Skin

Staho Simon:
Nu
Dag och natt
Bang Bang Orangutang
Daisy Diamond
Heaven's Heart
Warriors of Love
Love Is in the Air

Stallone Sylvester:
John Rambo

Stanton Andrew:
WallE

Staron Wojciech:
Argentinian Lesson

Stathoulopoulos Spiros:
PVC-1
Meteora

Steel Eric:
The Bridge - Il ponte dei suicidi

Stefánsdóttir Helena:

Stoll Pablo:
25 Watts (e Juan Pablo Rebella)
Whisky (e Juan Pablo Rebella)

Stonys Audrius:
Uku ukai

Strickland Peter:
Katalin Varga

Susser Spencer:
I Love Sarah Jane

Švankmajer Jan:
Alice
Faust
Conspirators of Pleasure
Little Otik
Lunacy
Surviving Life (Theory and Practice)

T

Tarr Béla:
Nido familiare
The Outsider
The Prefab People
Satantango
Le armonie di Werckmeister (e Ágnes Hranitzky)
L'uomo di Londra (e Ágnes Hranitzky)
Il cavallo di Torino (e Ágnes Hranitzky)

Tarsem:
The Fall
Immortals

Thornton Warwick:
Samson & Delilah

Thorsson Marteinn:
Permille

Tocha Gonçalo:
It's the Earth Not the Moon

Tolnai Szabolcs:
The Hourglass

Torbidoni Michele:
La Cosa In Cima Alle Scale

Trier Joachim:
Reprise
Oslo, August 31 st
Segreti di famiglia

Tsai Ming-liang:
Che ora è laggiù?
Goodbye, Dragon Inn
Il gusto dell'anguria
I Don't Want to Sleep Alone
Face
Walker
Stray Dogs
Journey to the West

Tsangari Athina Rachel:
Fit
Attenberg
Chevalier

Tsukamoto Shinya:
Tetsuo, the Iron Man
Hiruko the goblin
Tetsuo II: Body Hammer
Tokyo Fist
Bullet Ballet
Gemini
A Snake of June
Vital - Autopsia di un amore
Haze - Il muro
Nightmare Detective
Nightmare Detective 2
Tetsuo: The Bullet Man
Kotoko

Tunge Paul:
Kano

U

Uekrongtham Ekachai:
Pleasure Factory

Ujicǎ Andrei:
The Autobiography of Nicolae Ceauşescu

V

Van Avermaet Tom:
Death of a Shadow

Van den Berghe Gust:

Van Dormael Jaco:
Toto le héros - Un eroe di fine millennio
L'ottavo giorno
Mr. Nobody
Dio esiste e vive a Bruxelles

Van Eyck Rob:
The Afterman

Van Rompaey Christophe:
Lena

Van Sant Gus:
Last Days

Varda Agnès:
7p., cuis., s. de b., ... à saisir
Senza tetto né legge

Vargas Francisco:
The Violin

Vega Vidal Daniel:
Octubre (e Diego Vega Vidal)

Veiroj Federico:
A Useful Life

Venturi Varo:
Nazareno

Verhoeven Paul:
Il quarto uomo
Black Book

Vertov Dziga:
L'uomo con la macchina da presa

Vibenius Bo Arne:
Thriller

Vigalondo Nacho:
Timecrimes

Vigo Jean:
L'Atalante

Vila Agustí:

La mosquitera

Vílchez Rodríguez Fernando:
The Calm

Villaronga Augustí:
In a Glass Cage

El mar
Black Bread

Villaverde Teresa:
Transe

Villenueve Denis:
Maelström
Polytechnique

Virgo Clément:
Il sesso secondo lei

Vogt Eskil:
Blind

Von Trier Lars:
L'elemento del crimine
Epidemic
Medea
Europa
The Kingdom - Il Regno
Le onde del destino
Idioti
Dancer in the Dark
Dogville
Le cinque variazioni (e Jørgen Leth)
Manderlay
Melancholia

W

Wakamatsu Kôji:
Violated Angels

Waldvogel Rasmussen Jesper:
Ses

Walker Lucy:
Waste Land
The Tsunami and the Cherry Blossom

Wang Chao:
Memory of Love

Waters John:
Pink Flamingos

Watkins Peter:
The War Game

Weerasethakul Apichatpong:
Mysterious Object at Noon
Blissfully Yours
The Adventure of Iron Pussy
Tropical Malady
Syndromes and a Century
Lo zio Boonmee che si ricorda le vite precedenti
Mekong Hotel
Cemetery of Splendour

Weikai Huang:
Disorder

Weir Peter:
Picnic ad Hanging Rock


Wenzel Fredrik:
Burrowing (e Henrik Hellström)

Williams Eduardo:
Pude ver un puma
The Human Surge

Wilson Gregory: 
La ragazza della porta accanto

Winterbottom Michael:
9 Songs
Genova

X  

Xhonneux Henri:
Marquis

Y

Yamamoto Jun'ichi:
Meatball Machine (e Yûdai Yamaguchi)

Yamamura Koji:
Franz Kafka's a Country Doctor

Yau Herman:  
The Untold Story (e Danny Lee)
Whispers and Moans

Yuzna Bryan:
Society - The Horror
Progeny - Il figlio degli alieni

Z


Zeitlin Benh:
Glory at Sea
Re della terra selvaggia

Zeldovich Aleksandr:
Target

Zois Yorgos:
Casus belli
Out of Frame

Zuccon Ivan:
La casa sfuggita

Zulawski Andrzej:
Possession
L'amour braque - Amore balordo
Le mie notti sono più belle dei vostri giorni

Zvyagintsev Andrey:
Il ritorno
The Banishment
Elena
Leviathan
Loveless