venerdì 18 aprile 2008

Il cerchio dei morti

Locandina S-P-E-T-T-A-C-O-L-A-R-E- per un mediometraggio italiano realizzato da Andrea Falcioni e Lucas Pavetto, entrambi presenti come attori nel film. Insieme a loro recitano altri due ragazzi e due ragazze, tutti non professionisti.

Sei persone si addormentano su un autobus che avrebbe dovuto portarle in vacanza, quando si risvegliano dell’autista non vi è traccia e quindi decidono di cercare aiuto nella campagna circostante, trovano riparo in una casa disabitata (che nella realtà è di proprietà di Falcioni) dove verranno sterminati uno dopo l’altro da un serpentone famelico vestito con una palandrana nera (ecco cosa li sta aspettando, come recita il sottotitolo).

Essendo un prodotto low-budget sono evidenti alcuni limiti, salta subito all’occhio, anche di un profano come me, la scarsa recitazione degli attori che sono amici, o conoscenti dei due registi; può far sorridere questa cosa, però come viene precisato da Lucas Pavetto in una intervista su splattercontainer: “Per quanto riguarda l’interpretazione... dove li trovavamo gli attori professionisti non avendo ancora un nome?". Dura la vita dei giovani cineasti, anche perché tutto ciò che concerne la realizzazione del film, luci, montaggio, doppiaggio, effetti speciali, e persino le riprese, sono state effettuate dai due giovani, aiutati in alcuni casi dagli altri attori presenti nel film, niente troupe insomma.
Se si riesce a superare qualche ostacolo, non tutti possono essere Al Pacino o Robert De Niro, Il cerchio dei morti è un prodotto abbastanza valido che può regalare qualche brivido.

P.S.: Mitico Tommy che sul braccio sinistro ha tatuato l’etichetta del Jack Daniel’s, se quel tatuaggio è vero quell’uomo ha tutta la mia stima.

3 commenti:

  1. Falcioni ci rifila un'emerita schifezza senza attenuanti...Il film(?) altro non e' che un'accozzaglia riuscita male di scopiazzature di diversi film horror tra cui Evil Dead,Alien,From beyond,Fog,etc..ed il risultato e' una pellicola infame, girata senza un minimo di professionalita' con scene in CGI di fattura amatoriale, attori scadentissimi con una recitazione da cani(a parte Andrea falcioni)e un doppiaggio con accento settentrionale da far venire i brividi! La location potrebbe essere la villetta in campagna di vostra nonna,il villain di turno non si sa da dove venga ne quale fine abbia e tutto il metraggio risulta una qualsiasi porcata che 4 amici scemi potrebbero recitare con una videocamera a mano in un weekend tra alcool e droghe..!L'unico commento che posso esprimere su questa autentica "immondizia" e' che trovo semplicemente vergognoso che qualcuno abbia potuto spendere anche pochi soldi per produrla.

    RispondiElimina
  2. Insomma, 'sto film ti è piaciuto.

    RispondiElimina
  3. Il commento sopra mi sembra abbastanza ingrato per un film fatto a costo zero da persone che non si sono aspettati di guadagnare nemmeno un soldo.
    Il film è chiaramente fatto da due registi che han voluto fare un esperimento, cercando di capire fino a dove si sarebbero potuti spingere, e secondo me il risultato è stato egregio.
    Gli effetti speciali sono aggiustati con fumo, lampade a terra e purtroppo una scarsa recitazione di alcuni degli attori, ma purtroppo i registi han dovuto far le nozze con i fichi secchi.
    Ho letto su di un video trovato da qualche parte dove l'esperto di suoni, di cui non ricordo il nome, diceva che per sistemare l'audio ha fatto parlare le persone dentro un armadio, infatti ricordo che gli audio erano molto staccati dal contesto del film.
    Ho visto i loro film diverse volte, secondo me erano molto creativi, ho purtroppo scoperto oggi che il loro sito web non esiste più, e che non è purtroppo più possibile riscaricarli.
    Mi sarebbe piaciuto vedere queste persone con dei reali mezzi finanziari a disposizione, per vedere cosa sarebbero stati capaci di fare.

    RispondiElimina