sabato 26 marzo 2011

The American Astronaut

Il futuro è buio: le donne vivono nei giardini di Venere separate dall’universo maschile che si adatta a tirare avanti in piccoli asteroidi sparsi fra le stelle o su Giove, immensa fabbrica di operai. L’astronauta Samuel si prende l’onere di uno scambio, ovvero portare un ragazzino (l’unico che può fregiarsi di avere visto un paio di tette) sul suolo venusiano dando in cambio al proprietario di Giove una specie di clone femminile intrappolato in una cassetta nera. Ma il diabolico professore Hess si mette sulle tracce dell’astronauta…

Qualche informazione sul regista Cory McAbee. Classe ’61, nato in California (beato lui), si legge nella sua biografia che la laurea gli è arrivata come atto di carità visto che non lesse mai un libro fino a 25 anni. La svolta avviene quando incontra Bobby Lurie con il quale mette su una band musicale, le cose non vanno benissimo e i due si separano per poi ritrovarsi nell’89 con la creazione di un gruppo tutt’ora esistente denominato The Billy Nayer Show. Inoltre McAbee fonda col suo socio la BNS productions attraverso la quale vengono prodotti alcuni cortometraggi che lo portano a questo The American Astronaut (2001) dove è anche attore principale. Nel 2007 si compra il primo cellulare della sua vita e due anni dopo firma il secondo lungometraggio Stingray Sam.

La poliedriticità di questo autore che spazia dalla professione di musicista a quella di cartoonist si riverbera anche nella pellicola che, come accade spesso e volentieri a chi vive trasversalmente l’arte in generale, non è etichettabile. Ci troviamo alle prese con un’opera eterogenea che sfugge praticamente da subito alle costrizioni fantascientifiche con una veste estetica davvero notevole disseminata da momenti volutamente ingenui come i balletti degli uomini che cantano canzoni d’amore o la navicella di cartapesta che si muove su uno sfondo nero nei suoi viaggi interplanetari.
Di pecche a mio modo di vedere non ce ne sono, quello che McAbee si era posto come obiettivo lo riesce ad adempiere fino in fondo poiché il film (in)trattiene con leggerezza e fascino visivo.
Consigliato.

12 commenti:

  1. se lo consigli me lo cerco..ciao amico carissimo

    RispondiElimina
  2. questo film è un capolavoro
    devo procurarmi altra roba di questo tizio

    RispondiElimina
  3. Addirittura capolavoro?
    Però, in effetti, lo ricordo un certo piacere...

    RispondiElimina
  4. Ma sottotitoli italiani non esistono proprio? :(

    RispondiElimina
  5. Qualcuno ha i sottotitoli italiani? Grazie

    RispondiElimina
  6. Sì, effettivamente è un peccato che non esistano i sottotitoli in italiano... :-(

    RispondiElimina
  7. Molto particolare questo film, mi e' rimasto proprio impresso nella memoria. Al tempo l'avevo chiamato un western nello spazio con una gigantesca dose di assurdita', poi non so, effettivamente hai ragione tu...

    RispondiElimina
  8. Anche il lavoro successivo che riprende il medesimo mondo non è male...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Identico: https://www.youtube.com/watch?v=-O_pFDEiMXo

      Elimina
  9. Ahah si, si riconosce subito. Poi, nella mia testa questo film e' sempre legato a Ex Drummer, non so se lo hai visto, li ho guardati nello stesso periodo e mi hanno fatto molta impressione.

    RispondiElimina
  10. Come no! Ex Drummer lo ricordo con piacere come un film pazzo e sgangherato, bello!

    RispondiElimina