martedì 16 ottobre 2012

Swimmer

Potrebbe ingannare la doppia commissione portata dalla BBC Films e dalla Film 4 che in occasione delle Olimpiadi di Londra hanno chiesto all’autrice di …E ora parliamo di Kevin (2011) e ad altri tre registi britannici di coniugare in un cortometraggio due mondi lontani come il cinema e lo sport secondo le loro personali vedute. Potrebbe poi ingannare il fatto che trattandosi di un’Olimpiade, e quindi dell’Evento per eccellenza, globale e massificante, ogni qual cosa gravitante attorno alla sua ciclopica orbita sia plausibilmente razionale bollarla a prescindere con il marchio dell’aggregazione ovina. Ma no, nessun inganno, quando la regista scozzese Lynne Ramsay è nei paraggi c’è sempre da aspettarsi ogni bene e Swimmer (2012), che come è facilmente intuibile si “occupa” di nuoto, è lontano eoni ed eoni dalla marchetta pubblicitaria, dal commercial, dalla docilità visiva: qui, cari astanti, siamo nel Cinema e in una sua manifestazione cristallina, un cinema argenteo che prende spunto (o almeno piacerebbe al sottoscritto che prendesse spunto) dal finale – sublime – di Ratcatcher (1999) per via dell’ambientazione acquatica, un fiume amniotico sul quale si affacciano bambini-fantasma e si odono voci appartenenti ad un altrove metafonico (si tratta di dialoghi presi da film risalenti agli anni ’60-’70); non c’è materia in Swimmer, tracciato estatico in una natura culla-vita-tomba fotografata egregiamente dall’argentina Natasha Braier, opera d’arte laboratoriale, sensitiva-saturante (e grandi applausi per Paul Davies, collaboratore di Ramsay fin dagli albori), di una purezza che turba e disturba, che s(‘)offre con tutta l’intransigenza artistica di chi rifiuta la comodità (estetica e concettuale): non ci sono messaggi né spiegazioni, in questo abbacinante gioiello il senso supremo, ultimo, libero è l’Immagine.
Da brividi, bellissimo.

6 commenti:

  1. UAO. Chissà se si trova...E ora parliamo di Kevin è un gran bel film.

    RispondiElimina
  2. Si trova si trova, con dei sottotitoli russi ma che importa delle parole quando a parlare sono le immagini? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so, tu devi essere un rabdomante dei torrenti. Io no. :)

      Elimina
  3. sì, quello è un estratto, completo sta qua.

    RispondiElimina
  4. grazie, anche per il tuo lavoro, ti seguo sempre ;)

    RispondiElimina