giovedì 29 novembre 2012

She Monkeys

Mmm e ancora mmm per questo esordio della svedese Lisa Aschan che racconta l’amicizia (e qualcosa di più) tra Emma e Cassandra, due cavallerizze che al di fuori del maneggio sono protagoniste di un ambiguo rapporto. Si mmmeggia perché di film come Apflickorna (2011) ad ogni Festival (nello specifico fu Berlino) ne vengono presentati a nastro, sono pellicole dove non latita un’accuratezza formale che le fa annoverare nella cerchia artistica, ma al contempo se si strizza l’abito estetico a mo’ di lavandaia ciò che sgocciola evapora in un batter di ciglia.

Soprattutto qui, dove le turbe adolescenziali si prendono quel posto al sole occupato di sovente nel cinema, la storia ha un sapore effimero che sul momento può invogliare alla sua fruizione ma che poi, ad un’analisi ex post, lamenta una conformazione senza spunti di rilievo dove a livello globale si sente l’afrore del già raccontato. Insomma, non sarà propriamente un lavoro derivativo, ma ripetitivo qua e là anche sì. Contrapporre due ragazzette dal carattere antitetico, intessere la loro relazione in cui si delineano i contorni della figura forte che sottomette quella debole, per poi ribaltare le posizioni al momento di concludere, è un atto da mano aperta sulla guancia, gomito sul tavolo, ed espressione atona. La legge vuole che le magagne non risiedano nell’argomento, perché Attenberg (2010) naviga in acque piuttosto simili a queste, bensì nell’esposizione, e la Aschan non opera in profondità nell’ordine dei significati, ok la storia del telecomando per il cane che indica una certa inflessibilità di Emma, ma non è che sia una chiave di lettura illuminante, preferendo l’impepatura cutanea con telefonati ammiccamenti saffici e con la sottovicenda della sorellina che in un mondo di adulti assenti (i trasferelli come i tatuaggi dei grandi, il bikini, il balletto, il pagamento del cugino baby-sitter) non sa cosa significhi essere una bambina; onestamente ho trovato questo risvolto (quello della sorellina) più soddisfacente del nodo nevralgico di She Monkeys: che nello sport - in teoria - vincano i meritevoli mentre nella vita i furbetti è una lezioncina che si conosce da tempo e non c’era necessità che venisse ripetuta, anche se bisogna prendere tristemente atto, ad esempio, di come nel nostro Bel Paese l’integrità sportiva sia ormai ridotta ai minimi termini.

8 commenti:

  1. Attenberg lo detesto accanitamente!

    RispondiElimina
  2. io non lo so ancora se lo detesto o meno... non trovo i subs ita

    RispondiElimina
  3. nessuno si è ancora sobbarcato l'onere della traduzione temo.

    RispondiElimina
  4. Io l'ho trovato un ottimo esordio, al di là delle possibili similitudini con Attenberg - a She Monkeys manca l'ossessione Suicide del film della Tsangari - è la delicatezza probablmente ad avermi conquistato...
    Ode a Eraserhead per la solita precisa recensione.
    Un saluto, bowman

    RispondiElimina
  5. Ecco uno che potrebbe sobbarcarsi l'onere della traduzione... :)
    Lietissimo di averti qua bowman, senza il tuo impegno in questo blog ci sarebbero meno film. A tal proposito mi sono appuntato una delle tue ultime proposte (977) che vedrò sicuramente!
    Un saluto anche a te!

    RispondiElimina
  6. I sottotitoli di Attenberg saranno postati a breve su AsianWord, ma non ne sono io l'artefice...
    977 è un buon film, anche in questo caso un esordio, con una discreta atmosfera che ho apprezzato di più alla seconda visione, non foss'altro per godersi l'ineffabile presenza di Leos Carax...
    bowman

    RispondiElimina
  7. Ho visto la presenza di Carax negli screenshots sul topic dedicato e ho letto anche di quella della Golubeva. Comunque incuriosito dal film sono andato a fare qualche ricerca su questo Khomeriki e direi che potrebbe essere un interessante oggetto d'analisi. Lo metto lì, tra una cosa e l'altra verrà il suo turno.

    RispondiElimina