giovedì 21 marzo 2013

Walker

Se ancora non lo sapevate ve lo dico io: Tsai Ming-liang è uno dei più grandi registi viventi, uno che da circa venticinque anni pur producendo una notevole quantità di opere è come se avesse girato un solo, immenso, spropositato, gigantesco film. Il flusso tsaiano, fermo dal punto di vista del lungometraggio dalla trasferta francese di Face (2009), si arricchisce di un ulteriore step: Walker (2012), corto presente all’interno del progetto collettivo Beautiful 2012, che si costituisce in una mezz’ora di girato talmente asciutta e al contempo talmente impenetrabile da spalancare estese finestre di comprensione; non che sia indispensabile scovare obbligatoriamente un senso nel peregrinare per le strade di Hong Kong del fido Lee Kang-sheng questa volta in versione monaco religioso, però il vagabondaggio dell’attore feticcio di Tsai sottoposto ad una prova di inumana lentezza porta perlomeno a due considerazioni:

- vedendo Lee agghindato di tunica rossa con la testa opportunamente rasata e vedendo il suo modo di muoversi eterno ed impercettibile, l’ambiente urbano che fa da contorno appare ancora più sclerotico di quanto lo è nei fatti: il quasi-immobilismo del monaco risalta nettamente in un contesto iper-veloce dove all’incessante formicolare delle persone sui marciapiedi si accompagna il rumoroso via vai delle auto e dei bus lungo le arterie di cemento. Sembra che il regista taiwanese voglia mettere in scena l’annosa questione tra spirito e materia segnando lo scarto che in modo irrimediabile divide tali istanze: quello di vivere nella frenesia metropolitana e quello di riuscire a trovare quiete nel suddetto mondo fagocitante e frenetico.

- siccome in Walker rincontriamo per l’ennesima volta (e sempre con grande piacere) il buon Kang-sheng, non è affatto errato pensare all’identificazione del regista con l’attore di riferimento, quindi, in uno slancio traslativo, potrebbe non essere una boutade intendere Lee come la personificazione del cinema di Tsai Ming-liang, d’altronde è risaputo che la settima arte di questo autore non è sintonizzata sulle normali frequenze cinematografiche e molti, di fronte alle sue interminabili sequenze di assoluto silenzio, avranno gettato la spugna additandolo come autore “noioso” e degno, al massimo, dell’indifferenza, la stessa che i passanti riservano al religioso. A Tsai però di accaparrarsi l’epidermica attenzione spettatoriale interessa poco, lui continua per il suo erto sentiero, cammina, spostando ogni volta il punto limite di un cinema la cui esistenza sulla carta parrebbe impossibile, poi si ferma, magari solo per morsicare un panino, e dopo ricomincia a macinare chilometri: prossima tappa Stray Dogs (2013), già adesso non vediamo l’ora.

6 commenti:

  1. Ho visto solo "L'anguria", ma non mi aveva preso, come spesso mi è capitato con molta cinematografia del sudest asiatico (taiwan, hong kong, thailandia...): è una zona che cinematograficamente e generalizzando non mi piglia. Al contrario di nordest (europeo e asiatico), tanto per dirne una...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come spesso ho detto parlando di Tsai, la vera urgenza è di vederlo TUTTO, dall'inizio alla fine, solo così si può apprezzare la grandezza del suo lavoro, capisco che è difficile ma la fatica sarà ripagata. L'anguria è un tassello straordinario (come gli altri) di un mosaico altrettanto straordinario, e ha un finale che ritengo a dir poco enorme.

      Elimina
  2. Il monaco farebbe invidia pure ai pellegrini del kalachakra di herzog che si prostrano ogni due passi :)
    A chi interessa c'è per intero su vimeo http://vimeo.com/49339358

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah davvero! Vimeo: sempre sia lodato.

      Elimina
  3. ora comprendo la citazione da kalachakra!
    mi fido del tuo amore per i tempi lunghi e personalissima ricerca di ming-liang per chiederti consilia: ce li ho già pronti i suoi film,ma fin'ora ho visto solo l'anguria. con cosa continuo?

    RispondiElimina
  4. Io direi di far la cosa più saggia: partire dall'inizio. Che per me è stato Rebel of the Neon God ma so che ci sono anche opere antecedenti, se le trovi guardale (e magari fai un fischio). Poi prosegui nell'ordine. Vorrei sentirti dire a proposito di I don't Want to Sleep Alone, il mio preferito probabilmente.

    RispondiElimina