mercoledì 28 settembre 2011

oif Reloaded

Eccoci qua! Detto fatto, Oltre il fondo si è rifatto il trucco e questo è il risultato.
Come ogni cambiamento che si rispetti c’è bisogno di tempo per poter assorbire e assimilare, anche se, come potrete ben vedere, non è cambiato moltissimo dato che i colori base sono sempre e volutamente quelli, tuttavia assicuro che per chi come il sottoscritto non ha e non aveva grosse conoscenze di web-linguaggio, anche cambiare uno sfondo, eliminare gadget superflui, o utilizzare per la prima volta delle stringhe senza maneggiare delle scarpe, non è proprio una passeggiata di salute, e credo perciò che almeno per quanto riguarda la base più di così non potevo fare.

Quel che è certo, invece, è che si può migliorare, magari anche grazie alle vostre segnalazioni.
Un primo problema l’ho già notato, ossia che negli schermi piccoli (portatili, e penso – rabbrividendo – anche smartphone e affini) i buchi della pellicola sconfinano nel testo e ne esce fuori un pastrocchio. Mi spiace, ma per adesso non so come ovviare al disguido. Dal canto mio posso dire che avendo un fisso con schermo (vecchio) e di medie dimensioni vedo tutto ben centrato e proporzionato, quindi compratevi uno schermo più grande se non lo avete, eddai su.

Fino ad oggi mi ero sempre appoggiato ai modelli offerti dalla piattaforma che permette il servizio, anzi mi ero appoggiato solo ad UN modello, cambiando qualche colore qua e là, mettendo delle foto là e lì, ma la sostanza non cambiava e io né me ne preoccupavo né me ne compiacevo.
E allora cos’è successo? Niente di particolarmente sconvolgente, soltanto che uno dei blog di cinema (principalmente horror, ma che importa?) più competenti e professionali di tutta la rete ha chiuso, e il suo autore ha trasmigrato in un nuovo spazio virtuale. Ancora nulla di eclatante, se non fosse che accedendo al natio blog, diverso per grafica e, pare, anche negli argomenti, mi sono accorto di due cose: la prima di quanto quello fosse personale, e la seconda, a catena, di quanto fosse impersonale il mio.
Sì beh, possiamo parlare di contenuti che qua mi dite sembrano esserci, vi credo sulla parola, ma, è il caso di dirlo, sentivo da tempo la necessità di una trasformazione, e la vicenda di MALPERTUIS è stata la spinta giusta.

Quindi, benvenuti in questo rinnovato luogo che comunque parlerà delle stesse cose in modo, umile speranza, sempre migliore.
Le tre immagini che ravvivano lo sfondo nero sono tratte da tre film bellissimi, anche se confesso che uno lo devo ancora vedere per intero ma so che sarà così.

Buona lettura e che il cinema sia con voi.

P.S. d’obbligo, se qualcuno non si ritrova nel blogroll me lo dica, dopo aver eliminato tutto sono andato a memoria ed è possibile che mi siano sfuggiti dei contatti.

13 commenti:

  1. Semplicemente...OLTRE!!!

    RispondiElimina
  2. BUCIODECULO (cit.)

    Giovanni

    RispondiElimina
  3. Bello! Complimenti, si vede che ci ha messo impegno.
    Cosa mi piace di più? Mi piacciono di brutto le capre, sono un mio Totem e in generale simbolo di grandi cose. Poi, direi che quella foto, in quell'atto, per quel poco che ti conosco, parla bene di te! Guarda che è un gran complimento eh. A proposito...Grazie per il commento che hai lasciato da me, mi piacerebbe troppo vedere la tua faccia mentre dicevi delle premesse! ;-)
    I buchi della pellicola sconfinano anche sul mio normalissimo monitor da tavolo! Dai su!
    Io credo di aver fatto ancora su-giù tra cinema e altro, nel roll, bella storia, come si diceva dieci anni fa. Al saludi!

    RispondiElimina
  4. stavo già dicendo "oh, porc..." che il maialino è scomparso. Dov'è che l'hai nascosto?
    :-)

    RispondiElimina
  5. spiegazione: appena arrivato qui ho intravisto l'immagine di un porcellino, pensavo che l'avessi messo nella testata ma poi è scomparso.
    PS: la partenza con Lavoisier, ovviamente, ragionando da chimico mi ha reso molto felice!

    RispondiElimina
  6. Un maialino? :D
    Magari con tutti i codici html che ho dovuto mettere si è creato una specie di incantensimo e chissà cosa potrà apparire in futuro!
    Lavoisier è lì giusto perché faccio tesoro della sua frase più famosa, questa nuova veste più che un cambiamento è una trasformazione.

    Le capre sono quelle delle Quattro volte MG, io c'entro poco o nulla, però credo tantissimo come te in quei segni (e sogni), e allora un poco c'entro, forse. Tu hai fatto su e giù perché sei in bilico tra l'una e l'altra cosa, ma l'importante è esserci :D

    @ Giovanni: lol.

    RispondiElimina
  7. Sì compaiono maialini e altre immagini strane. E' l'ignoto che avanza e prende il sopravvento?
    Però sti buchi bucano eh...E pensare che eri uno dei pochi leggibili, uffa.

    RispondiElimina
  8. Ma davvero?? E dove??
    Io vedo tutto normalissimo, guarda!: http://i52.tinypic.com/akejh3.jpg
    Per i buchi una soluzione può essere quella di tenere premuto CTRL e muovere la rotella del mouse in modo da far rimpicciolire lo schermo, non è il massimo ma ci si può accontentare.
    Forse dipende dal browser che si usa, io con Firefox ed Explorer vedo tutto perfetto, niente maialini :/

    RispondiElimina
  9. Forse un arcano è stato svelato.
    Per scrupolo mi sono scaricato Chrome e in effetti si vede un maialino che non è altro che l'immagine di default di questo template, io non l'avevo cancellata ma più sbrigativamente l'avevo coperta con la mia immagine. Ora l'ho cancellata e di maiali non dovrebbero essercene più.

    RispondiElimina
  10. A parte i frequentatori del tuo blog, intendi dire?

    RispondiElimina
  11. Ovvio. Difendo la categoria a cui appartengo.
    :D

    RispondiElimina
  12. sarò sincero: preferivo il vecchio "layout" e le vecchie immagini (molto più sinistre e misteriose)
    però, il personaggio con il secchio a spasso per il campo nebbioso non è male, come "header" (che film è?).

    RispondiElimina